Presentazione del Signore (Candelora, 2 febbraio) Archivio Servizio

Cos’è

È la festa della «Presentazione del Signore al tempio» quando Simeone profetizza sul futuro del Bambino Gesù e del dolore che Maria avrebbe provato. Questa celebrazione è anche detta «Festa della luce» a seguito di quanto Simeone disse di Gesù: «luce per illuminare le genti…»; popolarmente è chiamata«Candelora» per la benedizio­ne delle candele e della processione che si fa con i ceri accesi.

Rembrandt - Presentazione di Gesù al tempioCosa bisogna preparare

  • In sacrestia: 
    • gli abiti del Sacerdote: amitto, camice o alba, stola e casula bianche
    • gli abiti del diacono: amitto, camice o alba, stola diaconale e dalmatica bianche
    • turibolo  e navicella.
  • In presbiterio: sulla credenza: tutto il necessario per la Messa.
  • Fuori Chiesa:
    • la croce per la processione;
    • turibolo e navicella davanti alla croce e candelieri;
    • un tavolino con i ceri per tutti i fedeli,
    • secchiello, aspersorio e messale.

Come si struttura la celebrazione e come si serve

  • Con processione: in un luogo stabilito il Sacerdote inizia la celebrazione (portare il messale), successivamente benedice le candele (portare secchiello e aspersorio): inizia la processione verso la Chiesa dove la Messa procede regolarmente.
  • Senza processione: il Sacerdote si prepara all’ingresso della Chiesa con i mini­stranti della croce e dei ceri, del turibolo, della navicella, del secchiello e aspersorio. mentre i fedeli già hanno preso posto sulle panche. Quando il Sacerdote entra in Chiesa, si accendono e si benedicono le candele. Il Sacerdote entra in processione nella Chiesa e arriva all’altare, la Messa procede regolarmente.

Questa è la tua casa: è uscito il nuovo sussidio formativo per il gruppo ministrantiScopri il nuovo sussidio