La messa: cena del Signore Viviamo la Messa

La Messa è la celebrazione del memoriale del Signore. Cioè non è solo un ricordo del passato ma un rendere attuale, per mezzo dello Spirito, la memoria del sacrificio del Signore.

 

Nelle nostre comunità si celebra ogni giorno. Abbiamo messe nei giorni feriali e nei giorni festivi, come lo è, ad esempio, la domenica.

Per Messa festiva, intendiamo la cosiddetta Messa solenne. Preferiamo chiamare Messa Festiva questa celebrazione. Negli attuali testi liturgici, infatti, l’aggettivo solenne non serve per distinguere un maggiore o minore apparato celebrativo, ma si riferisce all’importanza delle celebrazioni nell’anno liturgico e nel calendario.

Non a caso il nostro calendario distingue, secondo l’importanza,  in solennità, feste, memorie.

Preferiamo allora chiamare Messa festiva quella celebrazione nella quale, attraverso una adeguata animazione liturgica, si vuole promuovere, secondo le proprie risorse, una partecipazione comunitaria e festiva dell’assemblea, nello spirito gioioso del Signore Risorto. L’Eucaristia domenicale, infatti, in quanto “Giorno del Signore” è il fondamento e la conferma della nostra vita di tutti i giorni vissuta da cristiani.

La celebrazione eucaristica è divisa in due parti, ugualmente importanti e ricche di vita: la Liturgia della Parola e la Liturgia Eucaristica. I riti di introduzione anticipano la Liturgia della Parola a seguire della quale vi è la Liturgia Eucaristica. Ad essa seguono i riti di conclusione: con l’orazione finale, la benedizione e il congedo.

schema parti


Questa è la tua casa: è uscito il nuovo sussidio formativo per il gruppo ministrantiScopri il nuovo sussidio