P. Chase: Pregava per la sua carriera nel mondo del calcio, ma Dio lo ha chiamato ad essere sacerdote Storie

Quando l’americano Chase Hilgenbrinck ha cominciato ad eccellere nel calcio professionistico, Dio lo ha chiamato ad essere sacerdote. Ha lasciato la sua carriera in Cile e dopo molto impegno è stato ordinato sacerdote nel 2014, per pochi giorni tornerà nel Paese dell’America meridionale  per celebrare una messa e condividere la sua testimonianza.

Durante il suo soggiorno in Cile, dove ha giocato tre anni nel campionato professionistico, P. Hilgenbrinck visiterà Chillán, a 400 chilometri a sud di Santiago. Lì celebrerà la Santa Messa nella parrocchia di Santa Ana il 7 maggio alle ore 20:00.

Chase pochi anni fa ha condiviso la sua testimonianza in un programma sul vivere la nostra fede con Pepe Alonso sulla tv cattolica EWTN. Raccontando della sua esperienza in Cile in un primo momento ha affermato: “Mi sentivo molto solo e non era previsto per un calciatore professionista. Ho pensato che ci sarebbero stati la fama insieme con gli amici, con molte persone. Alla fine ho capito che ero in lotta per un posto in una squadra dove farmi conoscere. Non è stato facile. “

Un giorno, ha detto, “sono andato a pregare in una chiesa in cui ho trovato la mia pace. Nell’inverno del Cile, con un sacco di pioggia, tutto è congelato, ero seduto da solo nella chiesa dell’Assunta. Stavo pregando davanti al tabernacolo, da solo con il Signore. Pregai per essere confortato, di avere più pace, quindi anche che le cose mi andassero bene nel calcio. E proprio lì, in silenzio, ho sentito sul fondo del mio cuore, in inglese: ‘Be my priest‘ (sii mio sacerdote) E non riuscivo a crederci “.

Questa esperienza, ha detto Chase, “era molto scomoda e non volevo sentire. Ho detto (a Dio) non sai quello che stai dicendo, ma ero convinto che non era qualcosa che avrei potuto sognare, non ci avrei mai pensato a questo e non volevo. Ma in fondo sapevo che era la chiamata del Signore “.

“Ho ascoltato e l’ho seguito con la mia vita, ma le cose hanno iniziato ad andare bene”, ha ricordato.

Il sacerdote, che ora è vicario parrocchiale di S. Mary Parish e assistente spirituale della squadra Alleman High School a Rock Island nella diocesi di Peoria, è il figlio di Mike Hilgenbrinck, che qualche tempo fa è morto di cancro, e Kim, di professione contabile.

Ogni domenica i suoi genitori lui e suo fratello Blaise andavano a messa. Entrambi erano ministranti della Chiesa della Santissima Trinità a Bloomington, Illinois.

In una loro testimonianza del 2008 su ESPN suo fratello osserva che “anche quando era adolescente, i ragazzi erano alla ricerca di Chase per chiedergli dei consigli”. La madre ricorda un’occasione in cui una donna incinta è venuta a casa a cercarlo. “Abbiamo detto: ‘ Chase, non sei abbastanza vecchio per dare consigli su queste cose. Questa ragazza dovrebbe parlare con un adulto. ‘ “

Entrambi hanno giocato a calcio fin da bambini, ma Chase era migliore e in realtà è arrivato ad essere convocato anche nella squadra under 17 nazionale degli Stati Uniti.

Quando arrivò alla Clemson University, Chase ha continuato a giocare a calcio e non ha messo da parte la sua fede. Una ragazza e un sacerdote gli hanno chiesto se avesse mai pensato di servire Dio con tutto se stesso. “Deep Thought no, niente da fare. Non ho ancora capito “, ricorda.

Una volta laureato a Clemson nel 2004 gli è stato suggerito di andare in Cile per giocare. Ha giocato nel giro di tre anni per club come Huachipato e Ñublense.

In Cile ha continuato a aiutare gli altri. Una volta, ricordano i suoi genitori, ha vinto un premio per essere stato il “miglior giocatore”. Con i soldi ha comprato attrezzature sportive e le ha donate ad una scuola povera.

“Essere soli in un altro paese, un’altra cultura e un’altra lingua, significavano molto dentro la mia anima”, ha detto Hilgenbrick in un suo messaggio alla diocesi di Peoria pochi anni fa.

Con la preghiera, i sacramenti, tra cui la confessione ha rafforzato il suo rapporto con Cristo e paure o “barriere” intorno a lui hanno cominciato a cadere.

Deciso per la sua vocazione a metà del 2007, scrisse a Peoria, al direttore del centro delle vocazioni, padre Brian Brownsey. Il sacerdote lo ha mandato per una serie di test. Doveva scrivere un’autobiografia di 20 pagine e inviare le risposte a diverse domande come una prova.

Chase non aveva detto a nessuno della sua vocazione, né alla sua fidanzata nè alla sua famiglia che  pregavano davanti all’immagine della Vergine  per la futura moglie di lui e per i figli e per il fratello. Con il tempo è tornato dal Cile agli Stati Uniti dove si è conclusa la sua storia con la fidanzata.

Il giorno che ha finito la maratona di prove, Chase ha chiamato suo fratello e i genitori, ha chiesto loro di recarsi nella Chiesa della Santissima Trinità e di acquistare champagne. Così ha detto loro che cosa aveva fatto, davanti alla statua della Vergine. “La loro reazione? Erano molto amorevoli e mi hanno sostenuto “.

“Quando si gioca a calcio si deve migliorare ogni giorno. E’ lo stesso con la fede. Bisogna migliorare ogni giorno e cercare nuove opportunità per approfondire il nostro rapporto con Cristo “, ha condiviso con il Catholic Post.

Prima di entrare nel Seminario di Santa Maria, Chase ha giocato per due squadre in Colorado Rapids e New England. Il secondo contratto con questo club aveva una clausola che gli ha permesso di ritirarsi dalla squadra il 1° luglio, la stessa data dell’ingresso dei nuovi seminaristi, che ha colto come un segno provvidenziale.

“Voglio essere una luce di Cristo. Ciò che conta è Lui, non me “, dice.
 

Fonte: Aciprensa


Questa è la tua casa: è uscito il nuovo sussidio formativo per il gruppo ministrantiScopri il nuovo sussidio